Home | Chi siamo | Privacy 

   Le Vostre Affidabili Prenotazioni per Istanbul  
 
Prenota...
  Home > Feste  
 

ISTANBUL

  Introduzione
    Storia
    Lingua
    Religione
    Cucina
    Musica
    Feste
 
 

SITI INTERESSANTI

    Luoghi
    Quartieri
    Monumenti
    Piazze
    Musei
    Moschee
    Chiese
    Sinagoghe
    Torri/Fortezze
    Fontane
    Cisterne
    Bosforo
    Corno D'Oro
    Ponti
 
 

INFO UTILI

    Distanze
    Come Andare
    Clima
    Sicurezza
    Documenti
    Moneta
    Orario
    Eletricità
    Acqua
    Giorni Festivi
    Comunicazioni
    Come Muoversi
    Cartina
    Mappa
    Vocabolario
    Pesi e Misure
    Indirizzi utili
   
 

CITY LIFE

    Locali notturni
    Shopping
    Bagno turco
    Eventi
    Moda
    Arte e Cultura
   
   
Le feste a Istanbul
Sebbene sia ufficialmente uno Stato laico, la Turchia osserva alcune importanti feste religiose scandite dal calendario lunare islamico che, a differenza dell'Italia; conta solo 354 giorni. In ogni stagione c'è poi un ricco ventaglio di manifestazioni con musica, teatro, danze, folclore e competizioni sportive d'antica tradizione.
 
Questi sono giorni importanti, perché danno alla gente l'occasione ritenere ed esibire l'unità nazionale. Attualmente su tutto il attività cerimoniale sono effettuate dalle istituzioni ufficiali come le scuole, le organizzazioni della condizione o le forze militari e la gente unisce queste attività. Le preparazioni in scuole o nei posti militari cominciano prima da alcune settimane con le ripetizioni per le prestazioni. Gli allievi ed altri che partecipino alle parate o alle esposizioni astuto e colorati sono vestiti.

 Cerca Hotel a ...

 Data check-in

 Data check-out

 

 

 

 

 

Le cerimonie seguono le parate in corridoi, in stadi o nei cortili della scuola. Le poesie sono recitati ed i discorsi sono dati, seguito dai fuochi d'artificio o dai colpi del cannone.
 

Festività e Manifestazioni

Come in tutti i Paesi del mondo le più importanti festività nazionali sono di carattere religioso o civile.

Essendo la Turchia un Paese di fede musulmana, il giorno di festa settimanale dovrebbe essere il venerdì, ma per adeguarsi ai ritmi di vita europei è la domenica il giorno di riposo di uffici e altre strutture pubbliche. I negozi, soprattutto nelle più movimentate città o località di grande afflusso turistico, non effettuano chiusure domenicali per facilitare le possibilità commerciali.

Feste religiose

Le festività religiose cadono in modo differente di anno in anno e vengono fissate secondo il calendario islamico che si basa sulle fasi della luna. Gli scarti non sono però mai molto significativi e le giornata di festa religiosa si possono articolare più o meno come segue. Ci sono due principali feste religiose; Ramazan (oppure Şeker) Bayramı e Kurban Bayramı.

Ramazan (Ramadan negli altri paesi islamici), il periodo di digiuno diurno (inizia prima dell'alba) che i musulmani sono tenuti a osservare per la durata di un mese. Oltre al digiuno sono bandite anche le relazioni sessuali, bere e fumare.  Dopo il tramonto ci si può rifare ampiamente, anche con gli interessi, delle astinenze praticate durante le ore di luce. Gli stranieri che si trovano in Turchia non si preoccupino, troveranno per loro ristoranti e bar disponibili a servire cibi e bevande. La fine del Ramazan è festeggiata con ŞEKER BAYRAMI (4 giorni), o festa della caramella, perché si risolve in un tripudio di dolci. Per quattro giorni banche, uffici e alcuni negozi restano chiusi, solo i pasticceri fanno tripli turni di lavoro.

Esse seguono il calendario lunare islamico il che significa che cadono ogni anno in momenti diversi. Le date delle feste religiose vengono più presto ogni anno 10 giorni a causa della differenza fra l'anno lunare (354 giorni) e l'anno solare (365 giorni). Anche se non tutta la gente in Turchia è praticante, queste festività religiose sono molto tradizionali e sono diventato essenziali. Sono prese seriamente come il natale è nel mondo cristiano. La gente fa i lotti delle preparazioni nella celebrazione di queste festività come le case di pulizia, shopping, regali di festività di acquisto, nuovi vestiti, trasmettenti le cartoline d'auguri e così via.

Il primo giorno della festività, molto presto alla mattina, la gente si alza, si lava, porti la fragranza o colonia di limone e metta sopra i loro nuovi vestiti. La maggior parte della popolazione maschio va alle moschee per la preghiera iniziale di mattina che è estremamente importante. Istruisca i bambini invecchiati egualmente sono presi alle moschee dai loro padri o parenti più anziani per incitarli ad acquistare l'abitudine di andare alle preghiere. Tanta gente va alle moschee di che non si non adattare all'interno o persino nel cortile. Quando questo è il caso, prende le piccole moquette dalla casa alla moschee, li mette nella via vicino al moschea e si unisce dentro con il servizio. L'Imam (prete musulmano) guida poiché questa è un'occasione predicare insieme a tanta gente. L'oggetto dominante attualmente è pace e provano sempre a consigliare alla fratellanza ed alla benevolenza generale fra tutti. Dopo le preghiere nella moschea ognuno dà l'un l'altro il saluto di festività stringendo le mani. La fase seguente è nel paese dove i saluti di festività continuano. Nelle famiglie estese tradizionali questi saluti non occorrono troppo tempo mentre tutti i membri sono allo stesso posto. Ma in famiglie nucleari potrebbe occorrere tempo molto maggiore. Le coppie con i loro bambini visitano i loro genitori o nonni, danno i regali, baciano le loro mani e mangiano le caramelle, il cioccolato o i pasticcini preparati da mamma. I bambini sono soddisfatti mentre sono dati i certi soldi di tasca oltre che le caramelle.

Un altro posto che non dovrebbe essere mancato è una visita al cimitero in cui i membri defunti della famiglia sono sepolti e devono essere ricordarsi. I fiori sono presi ed il terreno della tomba è innaffiato. Nel frattempo i membri della famiglia hanno letto o hanno fatto leggere il Corano in nome dei defunti.

La visita del main finito ed ora è il momento per alcuni commercianti ai negozi aperti. I bambini sono desiderosi di spendere i loro soldi di tasca nei negozi di giocattolo o nei parchi di divertimento. Nelle seguenti giorni fra gli amici, i vicini ed altri parenti continueranno nello spirito festive. Per la gente che vive lontano via dalle loro famiglie, le festività sono un buon motivo venire insieme così divide delle lunghezze della corsa della gente per permettere questo.

KURBAN BAYRAMI è lo stesso come Seker Bayrami tranne il sacrificio supplementare che viene festeggiato 70 giorni dopo Seker Bayrami. Ricorda il sacrificio di Abramo che stava per offrire la vita del figlio Isacco a Dio quando questi lo fermò mettendo alla prova la sua fede. La sua importanza nel mondo turco, e in tutto quello musulmano, è assimilabile a quella Natale. Negozi e uffici sono chiusi, i giorni di vacanza sono quattro e ogni nucleo familiare sacrifica un agnello o una capra oppure un vitello o una vacca con i amici e parenti.

Il sacrificio viene fatto generalmente nei giardini delle case o se questi allora non esistono è condotto nei posti pubblici specialmente organizzati. La gente può anche fare una donazione allo stesso valore di un sacrificio ad una carità invece di farla essi stessi.

Il carne dell'animale sacro si divide in tre; la prima parte è per coloro che non ha potuto sacrificare un animale (i poveri), la seconda è per offrire agli ospiti o parenti e la terza è per la famiglia.

N.B.: Durante il periodo della Festa di Ramadan e Festa di Sacrificio (Kurban Bayrami) tutti gli uffici statali, tutte le banche, mercati storici e la maggior parte dei negozi sono chiusi, mentre i musei sono aperti regolarmente

 GIORNI FESTIVI - 2010

01 Gennaio

23 Aprile

01 Maggio

19 Maggio

30 Agosto

08 Settembre

09 Settembre

10 Settembre

11 Settembre

28 Ottobre

29 Ottobre

15 Novembre

16 Novembre

17 Novembre

18 Novembre

19 Novembre

- Anno Nuovo (Yeni Yil)

- Festa Nazionale/Internazionale dei Bambini (Çocuk Bayramı)

- Festa Nazionale/Internazionale dei Lavoratori (Isci Bayramı)

- Festa Nazionale della Gioventù (Gençlik Bayramı)

- Festa della Vittoria (Zafer Bayramı)

- Festa (Religiosa) del Ramadan - Pomeriggio festivo

- Festa (Religiosa) del Ramadan (Ramazan Bayramı) 1. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Ramadan (Ramazan Bayramı) 2. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Ramadan (Ramazan Bayramı) 3. GIORNO

- Festa della Repubblica (Cumhuriyet Bayramı) - Pomeriggio festivo

- Festa della Repubblica (Cumhuriyet Bayramı)

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) - Pomeriggio festivo

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 1. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 2. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 3. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 4. GIORNO

 

 GIORNI FESTIVI - 2011

01 Gennaio

23 Aprile

01 Maggio

19 Maggio

30 Agosto

29 Agosto

30 Agosto

31 Agosto

01 Settembre

28 Ottobre

29 Ottobre

05 Novembre

06 Novembre

07 Novembre

08 Novembre

09 Novembre

- Anno Nuovo (Yeni Yil)

- Festa Nazionale/Internazionale dei Bambini (Çocuk Bayramı)

- Festa Nazionale/Internazionale dei Lavoratori (Isci Bayramı)

- Festa Nazionale della Gioventù (Gençlik Bayramı)

- Festa della Vittoria (Zafer Bayramı)

- Festa (Religiosa) del Ramadan - Pomeriggio festivo

- Festa (Religiosa) del Ramadan (Ramazan Bayramı) 1. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Ramadan (Ramazan Bayramı) 2. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Ramadan (Ramazan Bayramı) 3. GIORNO

- Festa della Repubblica (Cumhuriyet Bayramı) - Pomeriggio festivo

- Festa della Repubblica (Cumhuriyet Bayramı)

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) - Pomeriggio festivo

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 1. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 2. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 3. GIORNO

- Festa (Religiosa) del Sacrificio (Kurban Bayramı) 4. GIORNO

 

Feste civili

Le giornate di riposo non religiose sono le seguenti

1 gennaio: Capodanno.

23 aprile: giorno dell'Indipendenza della Turchia e giornata dedicata ai bambini.

19 maggio: nascita di Atatürk e giornata dedicata ai giovani e allo sport.

30 agosto: Zafer Bayrami, commemorazione della vittoria contro l'esercito greco avvenuta nel 1922.

29 ottobre: festa della proclamazione della Repubblica Turca (1923), denominata Cumhuriyet Bayrami.

 

YILBAŞI (CAPODANNO) - 1 Gennaio

E' una festa per celebrare la conclusione dell'anno che ha passato e dell'inizio di nuovo anno. Ha niente a che fare con natale con cui è a volte confuso. Questa festa comincia nel pomeriggio del 31 dicembre e continua fino alla conclusione del 1 gennaio. Popoli l'inizio che trasmette prima le cartoline d'auguri per venire di nuovo anno da alcune settimane. L'acquisto dei regali piccoli per la famiglia e gli amici egualmente sta diventando comune. Preparando una varietà di alimenti, di divertimento avere giocando il tombala (bingo) più comune del gioco del nuovo anno, ascoltando la musica e guardando la televisione, come radiodiffusione delle scanalature di TV i loro programmi migliori, sono fra le cose godute sopra questa festa. Qualche gente preferisce viaggiare, andando ai ricorsi al pattino o ai posti di intrattenimento sulla vigilia del nuovo anno. Ci è un altro gruppo di persone che, sotto l'influenza del mondo occidentale cristiano, godono essi stessi con le celebrazioni di natale (gli alberi di Natale e generano i costumi di natale, ecc.).

 

 

 

 

 

ÇOCUK BAYRAMI (Festa dei Bambini) - 23 Aprile

E' giorno nazionale dei bambini e di indipendenza. In questa data in 1920 la grande Assemblea nazionale turca è stata stabilita a Ankara da Mustafa Kemal. Poiché questo era il ricordo scritto della transizione da una comunità religiosa ad una nazione, questa data è stata accettata come festa nazionale. Dal 1929 in poi è stata dichiarata come il giorno dei primi bambini nel mondo da Kemal Ataturk, poiché ha riconosciuto l'importanza dei bambini per i futuri delle nazioni. Durante questa settimana ad Ankara si fanno manifestazioni folcloristici, giochi, ecc. dei bambini provenienti da maggiori paesi del mondo.

 

İSÇİ BAYRAMI (Festa dei Lavoratori) - 1 Maggio

 

GENÇLİK BAYRAMI (Festa della Gioventù) - 19 Maggio

E' commemorazione di Ataturk e la gioventù e mette in mostra il giorno. In questa data nel 1919, piede stabilito di Mustafa Kemal su Anatolia alla porta del Mar Nero di Samsun che contrassegna l'inizio di suo che organizza le forze nazionaliste prima della guerra di indipendenza.

 

ZAFER BAYRAMI (Festa della Vittoria) - 30 Agosto

In questa data in 1922, il quinto giorno dell'attacco grande contro i Greci, la battaglia di Dumlupinar sotto il comando di Mustafa Kemal è stata vinta e determinato il risultato della guerra di indipendenza. Questo attacco si è concluso a Smirne con la sconfitta dei Greci il 9 settembre.

 

CUMHURIYET BAYRAMI (Festa della Repubblica) - 29 Ottobre

La Repubblica Turca è stata affermata tramite la grande Assemblea nazionale turca in 1923.

 

IL GIORNO DI COMMERAZIONE DI ATATÜRK - 10 Novembre

Anniversario della morte di Atatürk; non è una festività fissata per legge.

 

LE FESTE TRADIZIONALI:

Feste di vario tipo vengono organizzate in tutti i villaggi del paese e in ogni periodo dell’anno. Tra le più famose sono:

La Lotta dei cammelli a Selcuk (gennaio),

La lotta tra cammelli che si svolge a metà gennaio e uno degli eventi più appassionanti e richiama spettatori da tutta la regione di Izmir. Per due giorni gli animali, accuratamente addestrati e resi ancora più aggressivi da generose porzioni di raki, il liquore turco all'anice, si affrontano a spintoni e testate. Agli spettatori, perlopiù maschi, le due giornate del torneo offrono l'occasione di scommettere qualche soldo e banchettare ai bordi dell'arena.

La Festa del Mesir (detto l'afrodisiaco del sultano)

 

un dolce alle spezie e fruttı secchi, che si tiene a Manisa (marzo - aprile),

Il Festival Internazionale a Marmaris (maggio)

Un appuntamento su misura per gli amanti della vela, che qui hanno l'opportunità di ammirare le barche e le attrezzature più belle e organizzare la classica “crociera blu” lungo le coste dell’Egeo. Si tiene a metà maggio e dura una settimana.

Il Festival della Musica e del Folklore a Silifke (maggio)

n calendario nella seconda metà di maggio, è la più autentica tra le molte rassegne di folclore e danze popolari della Turchia. Per una settimana ballerini e comparse si esibiscono indossando i coloratissimi costumi tradizionali. Tra le danze più curiose spicca il "ballo dei cucchiai".

Il Festival di Pamukkale a Denizli (maggio),

Il Festival della musica, del folklore e degli sport acquatici a Foça (giugno),

Il Festival della musica di Istanbul a Istanbul (giugnio-luglio)

Tra giugno e luglio Istanbul ospita concerti classici e operistici, spettacoli di balletto e serate jazz. Li precedono, rispettivamente ad aprile e maggio, due rassegne dedicate al cinema e al teatro. Al festival, ambientato perlopiù all'aperto, partecipano orchestre e interpreti di fama internazionale. Informazioni presso l'Ufficio turistico di Istanbul, tel.0090-1-2456875.

Il Festival di Karagöz a Bursa (Luglio)

Questo caratteristico personaggio ottomano visse a Bursa nel XIV secolo ed era un popolano dotato di proverbiale scaltrezza.

Diventato famosa come personaggio del teatro delle ombre, è protagonista di un festival folcloristico di grande richiamo che si svolge nella prima metà di luglio e prevede anche vivaci danze con scudi e spade.

Il Torneo di lotta orientale di Kırkpınar a Edirne (luglio),

Nella prima settimana di luglio questa importante città della Tracia ospita il tradizionale torneo di lotta turca che vede impegnati atleti dal corpo cosparso d'olio. Uno spettacolo famoso almeno quanto il calcio, che suscita il tifo incandescente degli spettatori ed è accompagnato da preghiere, musica e libagioni.

La Festa del Tè a Rize (luglio)

Il migliore tè della Turchia viene dalle piantagioni nei dintorni di Rize, sul Mar Nero. Alla bevanda, la città dedica agli inizi di luglio una festa con degustazioni e contorno di musica e folclore.

Il Festival internazionale della Danza Popolare a Samsun (luglio),

La Festa di Ihlara ad Aksaray (luglio),

La Festa di Nasreddin Hoca ad Akşehir (luglio),  - Chi è Nasreddin Hoca ? >>>

La Festa di Hacıbektaş a Hacıbektaş (14 agosto)

Chi si trova a passare per l'antica città di Hacibektas (venti minuti di macchina a nord di Gulsehir, in Cappadocia), troverà aria di festa e grande folla di fedeli. Si tratta dell'ultima cerimonia superstite in una lunga tradizione. Hacibektas deve il suo nome al grande capo sufita Haci Bektas Veli, fondatore dell'ordine dei Bektashi, che fino a un paio di secoli orsono ebbe numerosissimi seguaci. La comunità, sostenitrice di un islamismo tollerante e aperto, ha ancor oggi la sua sede qui, dove è sepolto il santo fondatore e dove un convento conserva ancora testimonianze della vita quotidiana delle confraternite.

Il Festival di Troia con concerti e danze popolari a Canakkale (agosto),

La Corsa di Cirit a Erzurum (settembre) 

Per due giorni, a fine settembre, questa città anatolica famosa per i tappeti kilim fa da cornice a spettacolari corse ed esibizioni a cavallo, durante le quali i cavalieri al galoppo si cimentano anche nel lancio del giavellotto.

Sagra dell'Uva a Ürgüp (settembre)

Tra le chiese rupestri della Cappadocia si producono ottimi vini, da gustare nelle taverne e dai produttori locali o in occasione di questa festa che si tiene nella prima settimana di settembre. Sempre a Urgup c’è la gara internazionale del vino a metà ottobre.

Il Festival ittita a Çorum (settembre),

Il Festival dell'Arancia D’oro a Antalya (Ottobre)

È il nome del premio (in turco Altin Portakal) conferito nell'ambito del più importante festival cinematografico della Turchia, in calendario ai primi di ottobre. Oltre a film turchi, vengono proiettate interessanti pellicole indiane e dell'Estremo Oriente.

La Festa di San Nicola a Demre (a Dicembre)

La Festa di Mevlana, con i dervisci danzanti a Konya (dicembre).

Per commemorare il mistico Mevlana, la loro guida spirituale che visse nel XII secolo, le confraternite dei dervisci danzanti (mevlevi) di Konya e di tutta la Turchia si ritrovano dal 10 al 17 dicembre. La cerimonia culmina con le danze al ritmo di antiche musiche, per le quali i dervisci indossano un singolare cappello a cilindro di feltro e abiti bianchi con la gonna a ruota. Assistere alle esibizioni non è facile, i biglietti vanno a ruba e sono da prenotare con largo anticipo.

Altre manifestazioni di folclore si tengono a Izmir (maggio), a Samsun (luglio) e ad Antalya (fine agosto).

Festivals in Turchia

IZMIR: http://www.iksev.org (Inglese)

ISTANBUL: http://www.iksv.org/english/  (Inglese)

OFFERTE TURISTICHE

 

Voli Esclusi :

 

  Tours

 

  Escursioni

 

  Noleggio auto

 

  Trasferimenti

 

  Guida turistica

 

  Albergo

 

 

Voli Inclusi :

    da Milano
    da Roma
    da Bologna
    da Venezia
    da Bergamo
    da Verona
    da Napoli
    da Bari

 

DA NON PERDERE

- Palazzo di Topkapi (Sarayi)

- Moschea Blu

(Sultanahmet Camisi)

- Santa Sofia (Ayasofya Muzesi)

- Moschea di Solimano

(Suleymaniye Camisi)

- Kariye (San Salvatore in Chora) Muzesi

- Crociera sul Bosforo

- Cisterna Sotterranea

(Yerebatan Sarayi)

- Palazzo di Dolmabahce (Sarayi)

- Grand Bazaar (Kapalicarsi)

- Bazaar Egiziano "Mercato delle spezie" (Misir Carsisi)

 

DA NON MANCARE

- Fare una passeggiata lungo la via Istiklal Caddesi ed in zona Tunel fino al ponte di Galata e non perdeteVi il Mercato delle Spezie

 

- Attraversare il Bosforo con il traghetto per esempio; da Eminonu a Uskudar

 

- Fare un bagno in un HAMAM (bagno turco)

 

- Partecipare ad un show della storica banda militare presso il Museo Militare (Harbiye Askeri Muzesi)

 

- Partecipare ad un show della danza del ventre

 

- Acquistare un tappeto turco o un capo di pelle oppure un gioiello d'oro o di pietra o d'argento

 

- Fumare il narghile (Nargile) a Tophane

 

- Cenare presso un ristorante di pesce sul Bosforo

 

- Gustare il profiterol di Inci Pastanesi sulla Via Istiklal Caddesi

 

- Gustare il Kumpir (patate arrostite con burro, piselli) e giocare il backgamon (Tavla) a Ortakoy

 

- Assaggiare il Konya Tandir Kebabi (agnello bollito)

 

- Assaggiare "Lahmacun" pizza turca speciale

 

- Salire a bordo di un DOLMUS

 

Domande e Risposte

Domanda: Quando attraversiamo il Bosforo per andare in Asia ( o viceversa) ci richiedono il visto? Oppure si paga?

Risposta: Certo che No!!! Siete nello stesso paese nonostante vi spostate da un continente ad un altro. Si paga solamente il ticket del traghetto oppure pedaggio del ponte se siete in auto per la direzione dell'Asia da Europa soloamente.

 

 

© Copyright 2003 - 2018 by Turchia.Net e TurchiaOnline.Net di Ibrahim Kankilic Tutti i Diritti Riservati

Chi siamo | Contatti | Recensioni

Email: info@turchiaonline.net

Tel.(Italia): 333-3250141